Visita e storia della Fondation Beyeler

16:11

(c)Fondation Beyeler

Visita e storia della Fondation Beyeler

Tempi difficili per l'arte? Forse sì.

Qui in Svizzera l'emergenza sanitaria ha costretto molti cantoni a chiudere tutti i musei. In alcuni cantoni, come in quello di Basilea invece, i musei rimangono aperti. Lo scorso weekend mi sono recata a Riehen, vicino Basilea, per visitare la Fondation Beyeler.

Conoscete la storia dei collezionisti Beyeler?

Ernst Beyeler, giovane studente a Basilea, iniziò a lavorare per Oskar Schloss, un antiquario che era scappato dalla Germania nazista per trovare rifugio in Svizzera. 

Quando Oskar Schloss morì, nel 1945, Ernst Beyeler riprese la sua attività di commerciante di libri antichi, grazie all'aiuto economico di sua moglie Hildy Kunz.

(c)Fondation Beyeler

Poco a poco la giovane coppia sentì il bisogno di avvicinarsi all'arte e allontanarsi dal commercio di libri. Nel 1952 l'attività fu ribattezzata "Galerie Beyeler" e il negozio di libri venne riconvertito in galleria d'arte. 

La galleria crebbe velocemente. Ad ogni opera venduta, la coppia ne acquistava altre due. In un primo tempo gli acquisti furono orientati soprattutto sull'arte tedesca, poi sull'arte francese e infine sull'arte svizzera.

Per cinquant'anni i galleristi furono anche collezionisti e nel 1982 decisero di trasformare la collezione in fondazione. Nel 1989 la collezione fu presentata per la prima volta al pubblico come una sola entità al Centro de Arte Reina Sofía a Madrid.

Dopo questo passo, la collezione dei coniugi Beyeler catturò l'attenzione dei media. Il momento era propizio per creare un museo e attirare visitatori da tutto il mondo.

Ernst Beyeler desiderava costruire il museo nel luogo dov'era nato, a Riehen. Scelse una villa in stile rococò circondata da un grande parco. 

(c)Fondation Beyeler

La villa Berower oggi accoglie il ristorante e l'amministrazione del museo. L'edifico che accoglie la collezione invece è stato progettato da Renzo Piano, secondo il volere della coppia Beyeler, ed è stato inaugurato nel 1997.

Visita della Fontation Beyeler

Riehen si trova a pochi minuti in macchina da Basilea e si può raggiungere facilmente anche con il tram che parte dalla stazione tedesca Badischer Bahnhof di Basilea.

Il primo edificio che si staglia davanti ai vostri occhi è proprio la villa Berower. Si deve proseguire per qualche metro lungo un vialetto nel parco della villa per arrivare al museo progettato da Renzo Piano.

(c)Fondation Beyeler

La cosa che colpisce l'attenzione di tutti i visitatori è che questo museo, costruito in pietra rosa della Patagonia e con ampie vetrate, è circondato dall'acqua. Infatti, dei suggestivi laghetti con ninfee fiorite, sono parte integrante del progetto architettonico dell'edificio.

L'acqua riflette le vetrate delle sale espositive, e dall'interno si possono vedere le vere ninfee richiamare quelle dipinte da Monet presenti nel museo. 

Tutto qui è un gioco di luci, colori, riflessi e richiami contestuali. Sono questi dettagli a rendere la visita del museo, una vera esperienza sensoriale. 

(c)Fondation Beyeler

All'interno dell'edificio, il parquet posato per terra, ricorda quello presente nel Centro Paul Klee di Berna (trovate tutti i dettagli a questo link https://arghiroculture.blogspot.com/2016/11/zentrum-paul-klee-berna.html.) Il soffitto, invece, è composto da una vetrata che è possibile oscurare a piacimento dai tecnici del museo. Ciò permette di illuminare le opere con la luce zenitale e allo stesso tempo, proteggere le opere da una fonte luminosa diretta.

(c)Fondation Beyeler

Esposizioni presenti in questo momento alla Fondation Beyeler.

La Fondation Beyeler è famosa per esposizioni di rilievo internazionale. Io ho avuto la fortuna di vederne una dedicata a Monet nel 2017. Ci sono state esposizioni anche su Picasso, Klee, Baselitz, Giacometti, Hopper e molti altri.

In questo momento si sta preparando un'esposizione su Rodin e Arp che sarà inaugurata il 13 dicemebre.

Fino a quel momento cos'è possibile vedere alla Fondation Beyeler?

La collezione ovviamente! Presentata in nuova veste fino al 28 marzo 2021.

Partendo da un quadro di Henri Rousseau, dove assistiamo alla scena crudele di un leone che divora un'antilope, la Fondation Beyeler dichiara di avere fame anche lei. Ma fame d'arte, così come il suo pubblico in questo periodo complicato. 

(c)Fondation Beyeler
Nelle sale dell'esposizione sono appese opere di Henri Matisse, Vincent van Gogh o Paul Cézanne. Si trovano anche famose sculture di Alberto Giacometti.

(c)Fondation Beyeler
Alla fine di questa esposizione, potrete vederne un'altra dedicata all'artista americana Roni Horn.

Per concludere, vi consiglio un posto un po' segreto. Nascosto dalle sale espositive, si trova un lungo corridoio dov'è possibile sedersi su un grande divano, leggere un libro d'arte o guardare fuori dalle immense vetrate.

(c)Fondation Beyeler
Appuntamento alla Fondation Beyeler!

https://www.fondationbeyeler.ch/

You Might Also Like

2 commenti

  1. Grazie Francesca,post molto interessante e complimenti a questi coniugi che hanno voluto donare anche ad altri la possibilità di poter ammirare opere immense esposte in un contesto prestigioso.Molto bello e suggestivo l'esterno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, è un lungo molto suggestivo. Grazie per questo commento!

      Elimina

Fai sapere la tua! Sempre nel rispetto di tutti.