Moon Circus

09:59


CAPITOLO PRECEDENTE

5

Dopo le prime dieci ore di volo nello spazio, sentii il bisogno di sgranchirmi le gambe, quindi approfittando di un momento di calma sganciai la cintura di sicurezza e mi diressi verso uno degli oblò.
L'atmosfera nel razzo era silenziosa e rilassata.
Addirittura le ballerine stavano dormendo, lo staff invece si dava da fare con lucine e comandi incomprensibili per un acrobata come me.
Le nostre divise erano completamente sgualcite e mentre aprivo la tendina di robusta tela plastificata, ebbi la sensazione di aprire il portale per una nuova dimensione.
Lo spettacolo davanti ai miei occhi mi lasciò senza fiato.
Milioni di stelle punteggiavano la densa oscurità come se quello fosse esattamente il posto per loro nell'universo.
L'incertezza tipica del mondo terrestre a cui non mi ero mai abituato, si dissolse al primo battito di ciglia.
Qui tutto sembrava finalmente in pace e questa sensazione tranquillizzava anche me.
Era come quando nelle calde notti berlinesi, mi rifugiavo sul tetto a guardare le stelle per ore. Mi sembrava che quella pace dei sensi potesse durare per sempre, invece al primo ingorgo cittadino andava a farsi benedire.
Qui invece era diverso.
Le stelle erano dieci volte più luminose e visibili e per di più sembrava di esserne circondato.
C'erano diversi oggetti celesti che galleggiavano nello spazio e tanti altri brillanti ammassi stellari che volteggiavano davanti ai miei occhi.
Mentre nuovi pensieri avvolgevano la mia mente, sentii una mano sulla spalla.
<Potrei stare ore a fantasticare sulle stelle> disse Mark, l'addestratore di cavalli.
<Come stanno le tue bestie?> Gli chiesi.
<Dormono come angioletti>
<Credo che sentirò la mancanza del caffè quassù>
<Fai passare un mese e poi vedremo di quante cose sentiremo la mancanza>
<Hai lasciato i tuoi bambini?>
<No, vivevo da solo con un circo itinerante. Questa è l'occasione della mia vita!>
<Anche per me> risposi, con lo sguardo fisso nell'universo.
Mark era un uomo alto con dei grandi baffi neri. Sembrava gentile, anche con i suoi cavalli.
<Non prudono anche a te queste magliette che ci hanno dato?> Disse con una smorfia insofferente sul viso.
<Finirò per ridurla a brandelli> risposi.
Il nostro trainer non sarebbe stato fiero di tutte quelle lamentele. 
Ma trasferirsi sulla Luna non è poi un gioco da ragazzi!

You Might Also Like

0 commenti

Fai sapere la tua! Sempre nel rispetto di tutti.