Lo scialle di seta verde di Marcella Maier

10:59

Recensione LO SCIALLE DI SETA VERDE 
di Marcella MAIER

Lo scialle di seta verde scritto da Marcella Maier nel 2005 e pubblicato in italiano nel 2020 da Lyasis Edizioni è stata la mia ultima lettura.

Lyasis è una casa editrice fondata nel 1993 nel cuore delle Alpi. Nel suo catalogo, oltre ad alcuni volumi di narrativa, troviamo principalmente delle guide di montagna tra Italia e Engadina. Questo ha permesso agli editori di vedere la storia anche dal punto di vista geografico. Infatti, ho apprezzato molto che all'interno del libro siano state inserite delle immagini dei luoghi raccontati dall'autrice, così come una cartina geografica che mi ha permesso di orientarmi facilmente negli spostamenti delle protagoniste. 

L'autrice Marcella Maier trascrive i racconti, tramandati oralmente, che vedono protagoniste quattro donne della sua famiglia : la madre, la nonna, la bisnonna e la trisnonna. 

L'autrice

Marcella Maier è nata a Saint Moritz nel 1920. Ha completato la sua formazione con un diploma commerciale, ha lavorato nel settore del turismo e delle vendite dopo aver soggiornato a Ginevra e in Italia e ha svolto un'attività politica. In seguito è divenuta giornalista e autrice di molti libri. Nel 1947 ha sposato il falegname Duri Maier e in nove anni è divenuta madre di quattro figlie. Marcella Maier è morta nell’estate del 2018 all’età di 97 anni.

Recensione

Ci troviamo nel cuore delle Alpi svizzere, nel cantone dei Grigioni, più precisamente nella Val Bregaglia. 

©Marcus Gyger

All'inizio del 1800, Alma (trisnonna dell'autrice) rimane vedova prematuramente e con la figlia Lisabetta a carico. 

Nonostante le mille difficoltà per poter sopravvivere, Alma educa la figlia al coraggio e alla speranza. In segno di gratitudine per l'ospitalità ricevuta, un prete le lascia un arcolaio e uno scialle di seta verde, che saranno tramandati di in generazione in generazione, così come la storia delle sue proprietarie.

Lisabetta (bisnonna dell'autrice), a sua volta, fin dall'adolescenza, deve lavorare duro per potersi guadagnare da vivere. Sceglie di spostarsi dal suo luogo di nascita e di andare a lavorare in Engadina, a Sils. Grazie al suo carattere, ereditato dalla madre, riuscirà a far fronte ai problemi economici e personali. 

Maria (nonna dell'autrice), la figlia di Lisabetta, non ha maggiore fortuna delle sue antenate ma con la stessa forza d'animo supera tutti gli ostacoli che la vita mette sul suo cammino. 

Nina (mamma dell'autrice), la figlia di Maria, sembra potersi godere un po' di tranquillità finanziaria solo in seguito al suo matrimonio. 

Accanto alle vicende personali delle quattro donne, il lettore può farsi un'idea completa della regione nella quale la storia è ambientata. La Val Bregaglia e l'Engadina, due vallate delle Alpi svizzere, nel 1800 sono estremamente povere. Durante il XX secolo iniziano a svilupparsi, grazie al turismo che apprezza i benefici dell'aria di montagna e tutta la varietà degli sport alpini. Le due guerre mondiali hanno intaccato solo parzialmente la florida espansione di queste valli.  

Saint-Moritz nel 1777
Ho amato questo libro per numerose ragioni. 

Innanzitutto, mi piace l'idea che una donna abbia deciso di trascrivere la storia delle sue antenate. Per quanto semplici, le vicende raccontate fanno parte del patrimonio dell'autrice, che dichiara di aver scritto il libro per accontentare le richieste delle sue figlie. 

La vita delle quattro donne è segnata da grandi difficoltà, soprattutto economiche, e per diverse ragioni le devono superare senza l'aiuto dei loro mariti. Trovo che questo sia un bellissimo esempio reale della forza e del coraggio femminile.

Marcella Maier riesce a scrivere con neutralità anche le vicende che la riguardano in prima persona. La scrittura è davvero efficace. Mi pare che la traduttrice abbia lasciato qualche imprecisione di stile. 

You Might Also Like

4 commenti

  1. Come sempre,cara Francesca,le tue recensioni lasciano il segno, stimolano e inducono alla lettura.
    Mi piace l'idea che un oggetto così personale come uno scialle venga tramandato per tante generazioni e inevitabilmente finisce per legare le protagoniste della storia.
    Leggerò sicuramente il libro.
    Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fiera che una mia recensione possa invogliare alla lettura. Grazie e alla prossima.

      Elimina
  2. Ottima recensione complimenti Francesca. Continua sempre in questo modo a farci leggere le tue interessanti impressioni. Grazie e buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per questo gentile commento. Buona giornata a te :)

      Elimina

Fai sapere la tua! Sempre nel rispetto di tutti.