Demain

15:11

DEMAIN

"Dare degli esempi non è che il solo modo di convincere qualcuno."

Il cinema non è solo un luogo dove restare seduti al calduccio a guardare un film con decine di sconosciuti intorno! 
È anche un luogo dove avvengono incredibili prese di coscienza su problemi fino ad allora ignorati. 
Ed è quello che è successo a me durante la proiezione di Demain, film-documentario che in poco meno di due ore risveglia nella parte più profonda dell'animo dello spettatore il suo dovere di rispettare e preservare il luogo in cui vive.

Cyril Dion e Mélanie Laurent © Fanny Dion
In seguito alla pubblicazione di uno studio che annuncia la possibilità che una parte dell'umanità possa scomparire entro il 2100, Cyril Dion et Mélanie Laurent partono intorno al mondo con un gruppo di quattro persone alla scoperta di cosa potrebbe provocare questa catastrofe, e soprattutto come evitarla.

Le questioni principali sono in tutto cinque: Alimentazione, Energia, Economia, Democrazia e Istruzione. Cinque temi che sono alla base della realtà della nostra vita ma che se gestite male potrebbero essere anche la causa di seri problemi che porterebbero alla nostra estinzione.

Per non fare che ciò accada, il film-documentario dà voce a delle persone che già da tempo hanno invertito la rotta, decidendo di amare davvero il proprio pianeta, rispettandolo, studiando tutti i modi possibili per servirsene senza distruggerlo e investendo tutte le proprie energie in nuovi modi di vivere.

Il film ha una visione ottimistica, speranzosa, fantasiosa e alternativa del futuro. Ci apre gli occhi e ci lancia gli strumenti per agire, tant'è vero che sul sito ufficiale Demain-Le film, c'è una lunga lista di iniziative a cui prendere parte individualmente o in modo collettivo, per iniziare subito a fare qualcosa di utile.
Inoltre nel sito è possibile scaricare un dossier informativo sul film che riassume tutte le soluzioni che sono state raccontate.

Il documentario è fatto in modo leggero e appassionante, lasciando spazio a chi ha veramente qualcosa di importante da dire. 
Gli input che lancia sono davvero tantissimi ed è facile che ognuno degli spettatori possa essere colpito nel profondo da uno o più degli esempi descritti.

Io ad esempio, da quando l'ho visto ho diminuito drasticamente il tempo che passavo sotto la doccia e il numero delle lampadine accese in casa se non sono veramente necessarie. 
Ora preferisco fare acquisiti a chilometro zero e giro a largo dalla grande distribuzione. 
Sono sicura che sia un piccolo passo verso una direzione diversa che vorrei dare al mio modo di vivere e mi auguro di coinvolgere molte altre persone in questo cambiamento.

L'essere umano ha il difetto di voler accumulare, guadagnare, fare proprie ed approfittare di risorse che non sono purtroppo inesauribili.

È come un bambino che anche se sa di non poter mangiare tutti i cioccolatini della mamma, non riesce a fermarsi finché non arriva all'ultimo!

Il problema è che in questo caso si parla del luogo magnifico che ci è stato donato per vivere e che continuando di questo passo, non riuscirà più ad ospitarci.

Io credo che l'intelletto umano sia in grado di prendere in mano la situazione e fermarsi prima che sia troppo tardi. 
E tu che dici?

Demain, nelle sale francesi dal 2 dicembre. 
Sito web: Demain-Le film

You Might Also Like

2 commenti

Fai sapere la tua! Sempre nel rispetto di tutti.